• comune-codroipo

Siamo partiti!

In vista delle elezioni amministrative 2016, come circolo del PD di Codroipo abbiamo avviato con questo mese di giugno il percorso di elaborazione programmatica che ci porterà, nell’arco dei prossimi otto mesi, a formulare la nostra proposta politica per la Codroipo di domani.

Questo percorso nasce da due volontà: la prima è puramente pratica, ovvero quella di elaborare il programma che presenteremo all’elettorato nel corso della prossima tornata elettorale; la seconda è più procedurale, ovvero è nostra intenzione coinvolgere il più possibile la comunità codroipese nel percorso di progettazione ed immaginazione della Codroipo di domani. Questa è la nostra vocazione democratica, ovvero dato che riteniamo non esistano ricette preconfezionate, bisogna considerare quella linea che attraversa la storia e la società codroipese in tutte le sue sfaccettature, e solo cogliendo questa, coinvolgendo e parlando con tutti i cittadini, è possibile immaginare un futuro per la nostra città che sia in conforme con la sua storia e in armonia con le vocazioni della sua comunità.

Il primo di questi incontri si è tenuto sabato 13 presso la sede del circolo, in via Verdi 26, dove oltre a iscritti e cittadini, sono stati invitati anche degli “ospiti” che grazie alle loro conoscenze tecniche ci hanno permesso un primissimo approccio al tema dello Sviluppo Urbano di Codroipo, nello specifico come la pianificazione urbanistica può migliorare la qualità della vita dei cittadini. A questo incontro seguiranno altri sempre aperti a tutti i cittadini e nei quali saranno invitati altri “ospiti” e che si concluderanno con un serata pubblica in cui presenteremo le conclusioni a cui siamo giunti e quindi la nostra proposta in tema di sviluppo della nostra città.

A breve apriremo anche altri tavoli di lavoro come questi, in modo da poter analizzare tutti gli aspetti vitali per la nostra Codroipo: dalla cultura al commercio, dalle politiche sociali all’ambiente. Vi invitiamo quindi a rimanere in contatto con noi attraverso la nostra mailing list o contattando i nostri rappresentanti riconosciuti.

 

Nicolò Berti, segretario PD Codroipo

I profughi e l’irresponsabilità degli amministratori codroipesi

Ci sono irresponsabilità e strumentalizzazioni ben oltre la decenza nelle parole del Sindaco Marchetti e del segretario cittadino della Lega Nord Zoratti sul tema dei profughi che stanno arrivando nella nostra regione.

Su un tema così delicato e complesso, dare informazioni sbagliate e fuorvianti ai cittadini per alimentare paure con l’intento di lucrare qualche voto è assolutamente irresponsabile.

Invece di rivendicare la capacità del comune di Codroipo e del territorio del Medio Friuli di aver gestito per oltre un decennio (anche durante la giunta Marchetti) e di continuare a gestire progetti di accoglienza di profughi e richiedenti asilo con risultati di eccellenza riconosciuti da tutti senza che ciò abbia creato nessun tipo di problema sociale si preferisce creare paure inesistenti.

Il percorso di distribuzione in tutti i territori della regione di piccole aliquote di richiedenti asilo (percorsi previsti dalle Nazioni Unite per persone provenienti da zone di guerre e persecuzioni) è fatto proprio per evitare situazioni come quelle di Udine, comune che con pochi altri sta sopportando il peso di questa emergenza. Le persone che vengono assegnate a ciascun Comune sono accompagnate da un progetto sostenuto con risorse internazionali che permettono il sostegno delle spese di permanenza e di supporto per il periodo necessario alla definizione della loro condizione. Risorse che tra l’altro sostengono anche una piccola economia locale.

E’ invece nostro compito chiedere agli altri stati europei, come con forza in questo momento sta facendo l’Italia, di fare ognuno la propria parte per evitare situazioni indegne dell’epoca che stiamo vivendo, e nel nostro piccolo dobbiamo essere in grado di assumerci le nostra parte di responsabilità.

Senza voler richiamare i valori cristiani che dichiariamo essere alla base della nostra civiltà, ma che troppo spesso tradiamo nel momento in cui veniamo chiamati alla loro applicazione, e senza indulgere minimamente al buonismo, ma con la capacità di discernimento e di accompagnamento che problemi di portata internazionale come questi richiedono, ciò che spaventa della presa di posizione degli amministratori Codroipesi è la chiara incapacità di affrontare simili situazioni difficili, preferendo fuggire da queste e cercando di aizzare gli uni contro gli altri per mascherare la propria codardia. Il loro chiaro intento è quindi quello di creare un corto circuito tra i problemi derivanti dalla crisi economica dei nostri concittadini e la disperazione di chi fugge da scenari di guerra e persecuzione. Attenzione però: “chi semina vento raccoglie tempesta”, che come tutti sanno, anche se provocata, non è mai controllabile.

Comportamenti come quelli rappresentati dai nostri amministratori dimostrano, più che attenzione ai cittadini, inadeguatezza al ruolo rivestito.

A nessuno è imposto di fare l’amministratore pubblico, ma se si assume quel ruolo bisogna dimostrare capacità di gestire anche i temi complessi, se si è inadeguati è meglio lasciare il campo.

 

Vittorino boem Consigliere regionale PD e Aberto Soramel Consigliere provinciale PD

Newsletter


Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del Dlgs 196 del 30 giugno 2003.

PD Social